ciclo ovulatorio, ciclo mestruale, irregolarità mestruale

Condividimi

salve,

se stai leggendo questo post ti sei imbattuta in una situazione singolare e comune allo stesso tempo, ossia le irregolarità del ciclo mestruale. non parlerò di ogni singolo ormone né di ogni singolo giorno del tuo ciclo, per quello ho visto che ci sono molti siti più specifici e testi di medicina ed il rischio che ti possa confondere tra dati, date ed ormoni è assolutamente normale.

ed è un problema abbastanza comune nella vita di una donna anzi milioni di donne. capita che un ciclo sia irregolare, per ritmo, durata oppure quantità, le motivazioni possono essere un polipo, una gravidanza od anche lo stress.

molto spesso è un problema transitorio; a cercare si trova un colpevole che sia un problema ovarico (come la policistosi ovarica) o tiroideo (TSH, ne parlo più avanti) od ancora lo stress.

iniziamo da questo lo stress, molto spesso inteso come un miscuglio di fattori ambientali e psicologici che rendono difficile adeguarsi alle situazioni della giornata (quindi di tipo cognitivo/psicologico) è anche un ormone: la prolattina;

prodotta dalla adenoipofasi, una ghiandola alla base del cervello, ha come principale funzione la produzione del latte, alterando e sospendendo la funzione ovarica (e quindi mestruale) apparentemente.

la prolattina non è l’unico ormone in grado di “sballare” il delicato assetto del ciclo ovarico, a farlo possono farlo alterare, ormoni od enzimi specifici, farmaci e sostanze da abuso.

non scendo nello specifico di ogni singola causa, diagnosi e terapie; anche perché alcune forme di alterazione del ciclo sono fisiologiche o para fisiologiche; ad esempio non è da intendersi sempre come patologia. infatti, età, etnia, persino la geografia possono influire sul ciclo mestruale.

ciò che invece è necessario indagare e trattare è il dolore.

che il il dolore sia coincidente con i giorni del ciclo mestruale (od anche prima o dopo), oppure legato alla ovulazione è utile pensare ad una metodica per sospendere tale dolore.

analizziamo, però, prima che cosa sia il dolore in queste fase, un messaggio inviato dalla natura: riproduciti! a parte alcune cause particolari, fibromatosi uterina giovanile, miomi, malformazioni uterine (utero setto, a sella oppure di delfo). so che il discorso così fatto può sembrare sessista ma non è il mio scopo, io giustifico l’esistenza del dolore mestruale (dismenorrea) e del dolore ovulatrio (molimina).

per comprendere la dismenorrea facciamo un esempio (questo è uno di quelli che torna più volte nel sito). l’utero è un muscolo senza un osso al quale aggrapparsi, questo muscolo ha una attività contrattile ben presente, sempre eseguita da quando eri lunga 8cm dentro tua madre. ogni momento alcune fibre, in maniera non armonica con la sola finalità di mantenere la forma, poi queste contrazioni sporadiche iniziano a diventare più armoniche (più fibre che si contraggono insieme nello stesso momento e per la stessa durata di tempo), durante questa contrazione può già essere presente un po’ di dolore. ora, immagina la cavità dell’utero come una camera con del linoleum ovunque, pareti e soffitto compresi; bene,

comunque se vuoi avere informazioni su irregolarità del ciclo mestruale puoi contattarmi od usare la chat con il pulsantone verde in basso a destra o se credi che una persona che conosci potrebbe averene giovamento puoi convidermi con le parti selezionabili sopra

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: